“NAIC Advances U.S. Objectives on Insurance Capital Standard Project”
“OSFI does not support the proposed design of the IAIS global Insurance Capital Standard”
NAIC – NATIONAL ASSOCIATION OF INSURANCE COMMISSIONERS - https://content.naic.org/
OSFI - OFFICE OF THE SUPERINTENDENT OF FINANCIAL INSTITUTIONS - http://www.osfi-bsif.gc.ca/
Standard patrimoniali internazionali


I Regolatori statali delle assicurazioni statunitensi hanno annunciato il 14 novembre scorso, per mezzo della loro Associazione (NAIC), che i membri del “Team USA” (il Tesoro, la Federal Reserve e NAIC) hanno ottenuto un accordo che promuove gli obiettivi principali degli Stati Uniti nell'ambito del dibattito presso la International Association of Insurance Supervisor (IAIS) sulla prossima fase del progetto Insurance Capital Standard (ICS)(1).

Il supporto dei regolatori statali è arrivato dopo che IAIS ha deciso cambiamenti significativi che hanno portato a una definizione e a un approccio realizzabili per la valutazione di risultati comparabili, fornendo un chiaro percorso per il Metodo dell’Aggregazione, sostenuto dall’industria assicurativa USA. Altre modifiche includono la previsione di scadenze e governance per rendere operativo il periodo di monitoraggio, l'impegno a prendere in considerazione le modifiche all'ICS stesso e condurre una valutazione di impatto economico.

I membri del “Team USA” sono stati chiari sul fatto che il percorso indicato da IAIS garantisce che il Metodo dell’Aggregazione, come parte di un quadro normativo globale degli Stati Uniti, sarà valutato in base ai risultati che fornisce e non semplicemente su basi quantitative.

Mentre i regolatori statali statunitensi non implementeranno l'ICS, continua l'impegno nei confronti di un approccio all'analisi del capitale di gruppo che può e deve essere considerato comparabile con i risultati raggiunti dall'ICS: questo il contenuto delle affermazioni di Eric A. Cioppa (Presidente NAIC e Sovrintendente del Maine Bureau of Insurance), in quanto i sostanziali progressi compiuti dal “Team USA” in seno alla IAIS lo rendono possibile.

Il sostegno dei regolatori statali statunitensi in questa fase intermedia – sottolinea NAIC – non li impegna alla futura adozione dell'ICS; nell'ambito di un processo iterativo, essi continueranno a valutare i progressi futuri per garantire che l'ICS e l'approccio alla comparabilità si sviluppino in un modo che non sia contrario agli interessi degli Stati Uniti. Mentre IAIS incoraggerà i gruppi assicurativi attivi a livello internazionale a partecipare al periodo di monitoraggio, non potrà imporre la partecipazione. La decisione finale spetterà ai supervisori di gruppo a livello statale.

Anche l’Autorità di vigilanza sulle assicurazioni in Canada (OSFI) ha espresso riserve sullo Standard patrimoniale globale per i gruppi assicurativi internazionali recentemente varato da IAIS.
OSFI ha pubblicato uno Statement in cui dichiara che lo Standard ICS, nella sua forma attuale, non è adatto al mercato assicurativo canadese. In particolare, il requisito patrimoniale risulta troppo elevato per i prodotti assicurativi di lungo termine ed è incompatibile con il mandato dell’Autorità di consentire alle imprese assicuratrici di competere sul mercato e di assumere i rischi in maniera ragionevole.
Nel periodo quinquennale di monitoraggio dell’applicazione dell’ICS, OSFI continuerà a lavorare per la definizione di uno standard globale che sia adatto a tutte le giurisdizioni.

 

__________________
(1) Su ICS, si veda: “IAIS adotta le regole globali per la vigilanza sui gruppi internazionali e sul rischio sistemico”, in questo stesso numero di Panorama Assicurativo  (Sezione "NORMATIVA").
http://www.panoramassicurativo.ania.it/admin/plugin/panorama/view.html?id=41182&est=1

STATISTICHE
NEWS