REPORT FROM THE COMMISSION TO THE EUROPEAN PARLIAMENT, THE COUNCIL AND THE EUROPEAN ECONOMIC AND SOCIAL COMMITTEE
on the application of Directive 2013/11/EU of the European Parliament and of the Council on ALTERNATIVE DISPUTE RESOLUTION for consumer disputes and Regulation (EU) No 524/2013 of the European Parliament and of the Council on ONLINE DISPUTE RESOLUTION for consumer disputes -
COM(2019) 425 final, 25.09.2019
EUROPEAN COMMISSION
https://ec.europa.eu/
Tutela dei consumatori

 

Alla fine di settembre,  la Commissione europea ha pubblicato un Implementation Report nel quale valuta l'applicazione del quadro giuridico per la risoluzione alternativa delle controversie dei consumatori (“Alternative Dispute Resolution”  - ADR Directive)(1),  anche per via telematica  (“Online Dispute Resolution”  -  ODR  Regulation)(2).

Fra le più importanti conclusioni contenute nel documento:

  • all’interno dell’UE, i consumatori hanno accesso a procedure ADR di alta qualità, indipendentemente dal fatto che la controversia sia di portata nazionale o transnazionale, senza considerare se l'acquisto sia stato effettuato o meno attraverso mezzi telematici (online purchase);
     
  • fra le sfide future vi sono  l’acquisizione di maggiore consapevolezza sulle procedure ADR e la “navigabilità” fra i diversi contesti ADR presenti in Europa su scala nazionale (attualmente, tra l’altro, il workflow su una piattaforma ODR riflette solo in parte le esigenze evidenziate dagli utenti);
     
  • il requisito di trasparenza posto a carico degli enti operanti in ambito  ADR -  con obbligo di pubblicare una relazione annuale della propria attività -  si è rivelato molto positivo, in quanto costituisce un considerevole incentivo per la revisione del proprio operato su base continuativa. Allo stesso modo, l'obbligo di reporting sulla materia - in capo alle Autorità competenti -  contribuisce a effettuare una revisione periodica dell'efficacia complessiva delle procedure ADR negli Stati membri.

Nell’ Implementation Report viene evidenziato che la Commissione continua ad adoperarsi per facilitare lo sviluppo di una comunità di ADR stakeholders e  migliorerà ulteriormente la piattaforma ODR, per fare in modo che funzioni in modo più consono alle esigenze degli utenti  (fornendo, ad esempio,  informazioni più mirate e  indirizzando meglio gli utenti verso gli strumenti di ricorso più appropriati).

_________________________

(1) Sul punto, si veda:

DIRECTIVE 2013/11/EU OF THE EUROPEAN PARLIAMENT AND OF THE COUNCIL of 21 May 2013  
on alternative dispute resolution for consumer disputes and amending Regulation (EC) No 2006/2004 and Directive 2009/22/EC   (Directive on consumer ADR) 
(O.J.E.U.  L 165  -   18.06.2013)
https://eur-lex.europa.eu/legal-content/EN/TXT/PDF/?uri=CELEX:32013L0011&from=EN

(2) Sul punto, si veda:

REGULATION (EU) No 524/2013 OF THE EUROPEAN PARLIAMENT AND OF THE COUNCIL   of 21 May 2013
on online dispute resolution for consumer disputes and amending Regulation (EC) No 2006/2004 and Directive 2009/22/EC (Regulation on consumer ODR)      
(O.J.E.U.  L 165  -   18.06.2013)
https://eur-lex.europa.eu/legal-content/EN/TXT/PDF/?uri=CELEX:32013R0524&from=EN

 

STATISTICHE
NEWS