NEWS
“Fitch Ratings: Turkish Insurers Weakening Due to Exposure to Sovereign, Banks” (NEWS, 5 settembre 2019)
“Turkish Insurance: Asset Risk a Drag on Credit Profiles”
Solvibilità

 

La solidità del settore assicurativo turco è destinata a un progressivo indebolimento a causa delle incertezze che minacciano gli attivi, in gran parte investiti in titoli sovrani nazionali e in depositi bancari: questo è quanto scrive Fitch Ratings in un Report sulla situazione attuale e le prospettive delle assicurazioni in Turchia.

Circa due terzi dei capitali sono depositati come liquidità presso banche, le cui emissioni in valuta locale sono qualificate come BB-, ossia ampiamente al di sotto dell’investment grade. C’è quindi il rischio non solo di un ulteriore downgrade ma anche, a catena, della messa a repentaglio degli attivi delle compagnie assicuratrici.

Nello scenario complessivo rientra anche la limitazione alle tariffe r.c. auto introdotta nel 2017, che costituisce un ulteriore fattore di debolezza per il settore(1).

Nei rami danni, inoltre, le imprese riescono a ottenere risultati economici accettabili solo grazie alla gestione finanziaria (ossia in gran parte grazie agli interessi sui depositi) in quanto la gestione tecnica risulta strutturalmente negativa. Il combined ratio è previsto al 108%; il ROE è al 18% a fronte di un’inflazione del 20% circa nel 2018.

Va peraltro tenuto presente che circa il 70% delle imprese è controllato da soggetti esteri: un fatto che potrebbe costituire un elemento positivo a favore della stabilità.

Il Report è disponibile a previa registrazione sul sito di Fitch Ratings.

____________________

(1) Sul punto, si veda: “L’assicurazione in Turchia frenata dalla lira debole e dal tetto ai prezzi della r.c. auto: Fitch Ratings”, in Panorama Assicurativo n. 179, settembre 2018 (Sezione “NEWS”).
http://www.panoramassicurativo.ania.it/admin/plugin/panorama/view.html?id=39976&est=1

STATISTICHE