STATISTICHE
“I rischi da responsabilità civile sanitaria in Italia, 2010-2018”
(Bollettino Statistico - Anno VI, n. 12 (ottobre 2019)
IVASS – ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI
https://www.ivass.it/homepage/
R.C. Sanitaria

 

IVASS ha pubblicato, nel Bollettino Statistico n. 12, ottobre 2019, i principali dati relativi al settore dell’assicurazione di responsabilità civile sanitaria in Italia nel 2018, in un confronto con gli anni precedenti (dal 2010)(1).

La pubblicazione riporta le principali evidenze quantitative delle due forme di assicurazione per la r.c. sanitaria previste dalla legge:

  • quelle acquisite tramite polizze assicurative per i rischi da r.c. sanitaria, offerte dalle imprese di assicurazione dietro pagamento di un premio;
     
  • quelle che le strutture sanitarie pubbliche costituiscono tramite auto-ritenzione del rischio.

Le polizze assicurative per i rischi da r.c. sanitaria fanno parte del più ampio ramo della r.c. generale, di cui hanno rappresentato - nel 2018 -   il 14% del totale. I dati su questo tipo di polizze sono acquisiti tramite un'indagine annuale, condotta da IVASS agli inizi di ogni anno presso le imprese di assicurazione. I dati sull’auto-ritenzione del rischio delle strutture sanitarie pubbliche sono invece forniti dal Ministero della Salute.

Tra i principali risultati dell’indagine:

  • i premi raccolti per i rischi da r.c. sanitaria ammontavano -  nel 2018 -  a 612 milioni di euro, in crescita rispetto al 2017 (+3,7%); la crescita è  stata trainata dall’aumento delle coperture dei rischi delle strutture private e del personale sanitario;
     
  • per le strutture pubbliche, alla lieve flessione dei premi raccolti (265 milioni, –2,9% rispetto al 2017) si è accompagnata quella del numero di unità di rischio assicurate (581 contro le 751 dell’anno precedente), a conferma di un trend pluriennale;
     
  • la raccolta premi presso le strutture pubbliche e private da parte delle imprese italiane, anche se molto inferiore a quella delle imprese estere, è in crescita (103 milioni di premi, contro 81 milioni dell’anno precedente);
     
  • le imprese italiane hanno  raccolto il 70% dei premi relativi ai rischi del personale sanitario, quota in lieve flessione rispetto al 2017 (quando valeva 75,9%);
     
  • permane l’elevata concentrazione del settore, con le 5 maggiori imprese che raccolgono rispettivamente il 93,5%, l’82,1% e il 64,7% dei premi delle strutture pubbliche, private e del personale sanitario;
     
  • un medico paga mediamente un premio di 1.000 euro, pari a cinque volte e mezzo quello medio del personale sanitario non medico;
     
  • le imprese assicurative hanno ricevuto, nel 2018, 17.262 denunce, dato inferiore rispetto al 2017 (–9,7%) e in costante flessione dal 2012;
     
  • oltre la metà delle denunce pervenute prima del 2017 risulta privo di seguito;
     
  • l’assicurazione delle strutture sanitarie ha una redditività tecnica negativa;
     
  • continua a crescere l’utilizzo dell’auto-ritenzione del rischio delle strutture sanitarie pubbliche, con accantonamenti a tale scopo pari a 592 milioni nel 2017, oltre il doppio dei premi pagati per l’assicurazione tradizionale.

_____________

(1) Per l’edizione precedente, si veda: “IVASS: i rischi da responsabilità civile sanitaria in Italia, 2010-2017”, in Panorama Assicurativo n. 182, dicembre 2018 (Sezione “STATISTICHE”).
http://www.panoramassicurativo.ania.it/admin/plugin/panorama/view.html?id=40158&est=1

NEWS