STATISTICHE
Korea insurance industry – 2018
KIRI – KOREA INSURANCE RESEARCH INSTITUTE
http://www.kiri.or.kr/
Analisi dei mercati

 

L’andamento del settore assicurativo sud-coreano nel 2017 è illustrato nell’ultimo rapporto di KIRI – Korea Insurance Research Institute(1).

La raccolta premi complessiva è ammontata a 202.306 miliardi di won (158 miliardi di euro), per un incremento annuo dello 0,1%.

Si tratta di un rallentamento deciso nel trend di crescita della raccolta osservata nel precedente triennio (+4,4% nel 2014, +5,5% nel 2015, +2,4% nel 2016), attribuibile principalmente alla battuta di arresto accusata dal vita.

Infatti, a fronte di una raccolta danni in aumento del 4,5%, con premi pari a 88.333 miliardi di won (69 miliardi di euro), il vita ha evidenziato una contrazione del 4,9%, per una raccolta di 113.973 miliardi (89 miliardi di euro).

Tale calo è da attribuire alla minore domanda di prodotti previdenziali e di polizze miste.

Nel comparto vita, la composizione della raccolta ha visto la prevalenza delle coperture individuali, con 98.302 miliardi di won (76,8 miliardi di euro), seguite da quelle collettive con 15.671 miliardi (12,2 miliardi di euro). Per entrambe le componenti l’esercizio ha evidenziato un calo, rispettivamente del 3,9% e del 10,4%.

Gli oneri per sinistri e prestazioni sono ammontati a 79.437 miliardi (62 miliardi di euro), in aumento del 10,8%.

La gestione tecnica si è chiusa con un saldo negativo di 21.493 miliardi di won (16,8 miliardi di euro), con una lieve diminuzione del disavanzo 2016.

La gestione finanziaria ha invece evidenziato un aumento del saldo attivo, che ha raggiunto 21.995 miliardi (17,2 miliardi di euro).

L’esercizio si è chiuso per il comparto vita con un utile al netto delle imposte pari a 3.915 miliardi (3 miliardi di euro), in aumento nell’anno del 59%.

Per quanto attiene al settore danni, i rami principali si sono confermate le coperture long-term (ossia piani di risparmio da 5 a 15 anni associati a coperture sanitarie) e il ramo auto;  essi hanno totalizzato, rispettivamente, 49.088 miliardi (38,3 miliardi di euro) e 16.857 miliardi di won (13,2 miliardi di euro).

Gli oneri per sinistri sono cresciuti nell’anno del 13,3%, attestandosi a 57.069 miliardi  (44,6 miliardi di euro).

La  gestione tecnica ha registrato un saldo negativo di 1.841 miliardi (1,4 miliardi di euro), mentre quella finanziaria ha chiuso con un saldo attivo di 7.186 miliardi (5,6 miliardi di euro). Per entrambe le gestioni, si è trattato di un miglioramento rispetto ai risultati 2016.

L’utile netto del comparto si è attestato a 3.853 miliardi di won (3 miliardi di euro), in aumento dell’11% rispetto al 2016.

Il totale complessivo degli attivi del settore ha sfiorato a fine esercizio 1.109.937 miliardi di won (867 miliardi di euro), il 7,3% in più rispetto al 2016.

La quota di pertinenza del vita è cresciuta del 6,5%, raggiungendo 832.837 miliardi di won (650,5 miliardi di euro), mentre quella danni si è attestata a 277.100 miliardi, il 10% in più su base annua.

Nel vita la composizione degli asset ha visto prevalere i titoli, con una quota del 60,2%, con le obbligazioni al 39,4%.

In riferimento al comparto danni, i titoli hanno pesato per il 53,1% del portafoglio, con le obbligazioni al 30% degli asset di comparto.

A fine esercizio risultavano in attività nel mercato assicurativo sudcoreano 56 compagnie, di cui 25 vita e 31 danni.

I primi 3 operatori vita detenevano il 45,4% del mercato, i primi 4 players danni il 68,8%.

_________________________

(1) Per l’esercizio precedente, si veda: “Corea del Sud: nel 2016 crescita rallentata per il settore assicurativo. Rapporto KIRI” in Panorama Assicurativo n. 172, febbraio 2018 (sezione “STATISTICHE”).
http://www.panoramaassicurativo.ania.it/admin/plugin/panorama/view.html?id=39360&est=10

 

NEWS