STATISTICHE
“Annual Report on the Insurance Industry” - Completed pursuant to Title V of the Dodd-Frank Wall Street Reform and Consumer Protection Act (SEPT. 2018)
FIO - FEDERAL INSURANCE OFFICE, U.S. DEPARTMENT OF THE TREASURY
https://www.treasury.gov/
Analisi dei mercati

 

La nuova edizione del report annuale redatto dall’Ufficio Federale delle Assicurazioni (FIO) del Dipartimento del Tesoro statunitense evidenzia come, nel decennio che ha fatto seguito alla crisi finanziaria del 2008, il settore assicurativo  sia stato in grado di produrre risposte efficaci, che si sono tradotte - a tutto il 2017 - in un miglioramento delle basi patrimoniali delle compagnie, in una maggiore flessibilità finanziaria, in un rafforzamento della redditività complessiva, in livelli di liquidità soddisfacenti.

Il comparto vita e salute ha totalizzato premi netti per 597 miliardi di dollari (522 miliardi di euro), in diminuzione dell’1%, registrando così il terzo esercizio consecutivo di flessione della raccolta.

All’origine del calo nei premi netti vi sono  diversi   fattori, principalmente il -10% nella domanda di polizze di rendita e risparmio e il forte ricorso alla riassicurazione da parte di alcune compagnie.

Le prestazioni erogate dal comparto nell’esercizio sono ammontate a 281 miliardi di dollari (245 miliardi di euro), in aumento del 4%.

La gestione finanziaria nei rami vita e salute  ha realizzato proventi netti per 182 miliardi di dollari (159 miliardi di euro), pari al 22% dei proventi complessivi del comparto, ovvero la quota più alta mai raggiunta nel decennio.

Il comparto  ha chiuso l’esercizio con un utile di 42 miliardi di dollari (36,7 miliardi di euro), in aumento del 6,9%. Il ROE è stato del 10,86%, in lieve aumento rispetto al  10,54% del 2016.

Il settore  property & casualty ha registrato premi netti per 557 miliardi di dollari (486,7 miliardi di euro), con un aumento annuo del 4,4%.

All’incremento hanno concorso sia le coperture individuali (+6%) sia quelle aziendali (+3%).

La gestione tecnica ha evidenziato un deterioramento della redditività: sia il rapporto sinistri/premi (75,87%) sia il combined ratio (103,79%) sono aumentati, raggiungendo livelli mai toccati nell’ultimo quinquennio.

Secondo il FIO, tale andamento è fortemente condizionato dalle conseguenze di alcuni eventi naturali di considerevole entità che hanno interessato il territorio statunitense nel corso dell’anno: 4 uragani, una tempesta e numerosi incendi in California.

Dalla gestione finanziaria danni sono invece arrivate buone notizie: i proventi netti dell’anno sono ammontati a 50 miliardi di dollari (43,7 miliardi di euro), ossia il 4% in più rispetto al 2016. Si è così interrotto l’andamento decrescente osservato nel biennio precedente.

Il rendimento netto degli attivi investiti si è attestato al 3,03% (3,04% nel 2016).

La buona performance finanziaria non è però bastata a compensare l’incremento di spese dell’esercizio (+8%). Si è così determinato un utile di 40,6 miliardi di dollari (35,8 miliardi di euro), in calo dell’8%; ciò ha confermato il perdurare di un trend   decrescente, già rilevato nei tre esercizi precedenti.

Buona parte del report è incentrata su quattro tematiche fondamentali: gestione del rischio sistemico e della solvibilità, regolamentazione e gestione dei processi aziendali, impegno internazionale di FIO, crescita economica e analisi dell’evoluzione della regolamentazione in tema di trasparenza.

 

NEWS