NEWS
“Accidents de la vie courante (AcVC) : 9 parents sur 10 ont déjà eu un comportement à risque en présence de leurs enfants” (FFA - NEWS - 08.11.2018)
“Accidents de la vie courante: les assureurs se mobilisent” (WEBPAGE DI PRESENTAZIONE E RISULTATI DELLO STUDIO - 08.11.2018)
FFA – FÉDÉRATION FRANÇAISE DE L’ASSURANCE - https://www.ffa-assurance.fr/
ATTITUDE PREVENTION - https://www.attitude-prevention.fr/
Rischio infortuni

 

All’inizio di novembre sono stati pubblicati i risultati di un’indagine dell’Associazione Attitude Prévention, concentrata sull’analisi dei rischi legati alla vita e alle attività quotidiane di genitori e figli. Emerge, in particolare, la generalizzata consapevolezza degli adulti (90%) di aver tenuto comportamenti da considerare “a rischio” in presenza dei propri figli.

Si tratta, in particolare, di quanto segue:

  • cucinare svolgendo o prestando attenzione, contemporaneamente, ad altre attività (telefono, televisione)  -    67% del campione;
  • raccogliere/manipolare frammenti di vetro senza utilizzare protezioni adeguate - 63%;.
  • camminare su superfici bagnate o scivolose  -    57%;
  • cambiare lampadine, fusibili, parti elettriche senza disinserire l’alimentazione generale della corrente elettrica  -    48%;
  • manipolare prodotti chimici etichettati come “pericolosi” senza leggere le norme d’uso e senza utilizzare protezioni   -    28%.

Tali comportamenti, segnala l’indagine, sono causati dall’assenza di percezione di pericolo, segno che tali rischi vengono ampiamente e quotidianamente sottostimati.

Sei genitori su 10, inoltre, dichiarano di essere rimasti vittima (essi stessi o un membro del nucleo familiare) di incidenti domestici, oppure legati alle attività scolastiche dei figli, a quelle sportive e del tempo libero. La maggior parte di tali incidenti si produce fra le mura domestiche (4 su 5) e più della metà in cucina.  Si tratta per lo più di ferite (45%), bruciature (31%), cadute (26%).
I genitori (90%) sono coscienti del fatto che si tratta di incidenti evitabili, semplicemente prestando maggiore attenzione, adottando buone abitudini e buone pratiche comportamentali, oppure scegliendo di prendere semplici precauzioni. L’effettiva portata delle conseguenze di tali incidenti resta sconosciuta, posto che il 40% del campione la sottovaluta e il 48% ignora il numero di decessi causati dagli “incidenti della vita quotidiana”.

Il 79% dei minori indica di aver ricevuto, dai genitori, istruzioni da seguire in caso di emergenza (il 92% degli adulti costituenti il campione dichiara di aver impartito tali istruzioni ai figli). Il 42% dei minori (di età compresa fra i 6 e i 12 anni), tuttavia, ha già subito un incidente domestico e il 20%  sostiene che i genitori abbiano lasciato oggetti potenzialmente pericolosi a portata di mano.

STATISTICHE