“State of the Union 2018 – Stronger anti-money laundering supervision for a stable banking and financial sector” (Press Release/Fact Sheet - Sep. 2018)
EUROPEAN COMMISSION
http://europa.eu/
Antiriciclaggio

 

Il 12 settembre scorso, in occasione dell’annuale “Discorso” tenuto dal Presidente UE sullo stato dell'Unione, di fronte al Parlamento (“State of the Union - 2018”)(1), la Commissione europea ha pubblicato una serie di proposte finalizzate a rafforzare la vigilanza nei confronti delle istituzioni finanziarie per poter meglio affrontare i rischi legati al riciclaggio di denaro e al finanziamento del terrorismo.

Nell'ambito del più ampio impegno volto a completare l'Unione bancaria e dei mercati dei capitali in Europa, la Commissione propone di modificare il Regolamento che istituisce l'Autorità bancaria europea (EBA), al fine di rafforzarne il ruolo nell’ambito della vigilanza antiriciclaggio sul settore finanziario.
Secondo la Commissione, tali misure (essenzialmente, concentrare all'interno dell'Autorità bancaria europea i poteri antiriciclaggio in ambito finanziario e rafforzare il mandato di EBA) contribuiranno a promuovere l'integrità del sistema finanziario europeo, garantendo stabilità finanziaria e tutela contro possibili operazioni criminose.

Secondo le nuove norme:

  • verrà garantito un più stringente e approfondito monitoraggio sulle violazioni delle norme anti-riciclaggio. EBA potrà richiedere alle Autorità nazionali di indagare in merito a potenziali violazioni e di realizzare azioni mirate (ad esempio, sanzioni specifiche);
  • le Autorità nazionali preposte ai controlli antiriciclaggio sono tenute al rispetto delle norme europee e alla cooperazione con i Supervisors in ambito prudenziale.  Gli attuali poteri di EBA verranno rafforzati in modo che, in ultima istanza e qualora le Autorità nazionali non agiscano opportunamente, EBA sarà in grado di indirizzare le proprie decisioni direttamente agli operatori del settore finanziario;
  • verrà migliorata la qualità della vigilanza antiriciclaggio, attraverso la realizzazione di standard comuni, revisioni periodiche, strategie di risk assessment;
  • sarà favorita la raccolta di informazioni sui rischi e sui trend in atto, come pure verranno agevolate le operazioni di scambio di tali informazioni tra Autorità di vigilanza nazionali (data hubs);
  • si intende facilitare la cooperazione con i Paesi terzi (cross-border cases);
  • un nuovo Comitato Permanente sarà incaricato di riunire le Autorità nazionali competenti in materia di antiriciclaggio.

Infine, la Commissione invita la Banca centrale europea a concludere con le Autorità di vigilanza un memorandum d'intesa multilaterale in merito allo scambio di informazioni (entro il 10 gennaio 2019, come richiesto dalla Quinta Direttiva Antiriciclaggio).

 

_________________________
(1) Sul punto, si veda: “State of the Union - 2018” (Webpage di presentazione e documenti correlati).
https://ec.europa.eu/commission/priorities/state-union-speeches/state-union-2018_en

STATISTICHE
NEWS