“Croissance et transformation des entreprises. - Compte rendu du Conseil du Conseil des Ministres du 18 juin 2018”
“Le Gouvernement présente son Projet de Loi Pacte censé faciliter la croissance des entreprises” (LE MONDE, Juin 2018)
“Loi Pacte : flécher plus d’épargne vers les PME” (LA TRIBUNE, 19.06.2018)
GOUVERNEMENT.fr - https://www.gouvernement.fr/
Risparmio, Sviluppo Economico

 

Il Ministro francese dell’Economia e delle Finanze, Bruno Le Maire, ha presentato, il 18 giugno scorso, il progetto di legge relativo alla “crescita e trasformazione delle imprese” (“Loi Pacte”), contenente disposizioni normative e fiscali destinate a essere integrate nel progetto di Legge Finanziaria 2019.

La “Loi Pacte” (Plan d’Action pour la Croissance et la Transformation des Entreprises) persegue due obiettivi principali: favorire lo sviluppo delle imprese in modo tale che possano creare maggiore occupazione e, nel contempo, ridefinire il ruolo delle imprese nella società, puntando a un maggiore coinvolgimento dei lavoratori. Negli intenti del Governo francese, si tratta di una riforma di ampio respiro, destinata a realizzare una nuova tappa nella trasformazione del tessuto economico nazionale.

Attraverso il testo normativo si intende rimediare alle criticità derivanti da un contesto caratterizzato da imprese in molti casi troppo piccole, che faticano ad affrontare la “rivoluzione digitale” e sono fragili sul fronte delle esportazioni.

Per realizzare il cambiamento, la  “Loi Pacte”  farà leva sui pilastri del risparmio: PEA/PME, assicurazione vita, previdenza complementare.
In particolare:

  • PEA/PME – Plan d’Epargne en Actions PME: i titoli emessi nell’ambito del crowfunding, le partecipazioni, le obbligazioni a tasso fisso saranno considerati idonei ai fini PEA-PME con un regime fiscale vantaggioso (le plusvalenze e i dividendi saranno esonerati dall’imposta sul reddito se i titoli verranno conservati per un periodo di almeno 5 anni). Il nuovo testo normativo contiene, inoltre, le misure necessarie per alleggerire i piani di risparmio di oneri e obblighi che ne ostacolano lo sviluppo, per “semplificare” ed eliminare operazioni amministrative inutili e/o ridondanti;
  • assicurazioni vita: i fondi euro-croissance saranno modernizzati e gli assicuratori potranno sostituirli a fronte di impegni di più lunga durata (verrà mantenuta la garanzia del capitale alla scadenza del contratto);
  • previdenza complementare: sarà modificata in modo tale da offrire maggiore attrattiva ai risparmiatori e contribuire meglio al finanziamento dell’economia. Verrà inoltre garantita la portabilità del risparmio previdenziale.

La “Loi Pacte”, infine, contiene disposizioni per autorizzare la cessione di partecipazioni pubbliche in alcune società; tali cessioni permetteranno di alimentare il Fondo per l’Industria e l’Innovazione (il quale, a sua volta, investirà nell’ambito delle tecnologie innovative).  La Legge, inoltre, rafforzerà il quadro normativo applicabile al controllo degli investimenti esteri in Francia, ampliando il campo d’influenza verso settori considerati “strategici” per l’economia del Paese (tecnologie spaziali, nanoelettronica, droni).

STATISTICHE
NEWS