NEWS
“The adoption of new technologies in construction will fundamentally affect the risk landscape for engineering insurance, SIGMA study says” (NEWS, 13 GIUGNO 2018)
“Constructing the future: recent developments in engineering insurance” ("Sigma", No 2/2018)
Assicurazione danni, Infrastrutture

 

L’ “Engineering Insurance”, ovvero l’assicurazione dei rischi ingegneristici e tecnologici, si occupa della copertura dei rischi connessi alle grandi opere, anche di carattere infrastrutturale, e delle correlate iniziative di “project financing”.
A questo tema è dedicato l’ultimo numero della rivista "Sigma", edita da Swiss Re (n. 2/2018).

Si stima che, a livello globale, la raccolta premi relativa a questo settore di attività sia pari a 21 miliardi di dollari (fine 2017), equivalente al 3% del totale delle assicurazioni danni rivolte alle aziende.
Il mercato di Londra rimane centrale per queste coperture altamente specialistiche, anche se i rischi in questione risultano sempre più sottoscritti in “hub” internazionali come Singapore, Dubai e Miami.

Il risultato tecnico è in peggioramento, a causa sia di una crescente concorrenza sui tassi di premio sia dell’aumento dei sinistri in alcuni segmenti di mercato.

In tale contesto, le nuove tecnologie sono in grado di introdurre miglioramenti in termini di monitoraggio e gestione dei rischi correlati ai grandi progetti, anche se si stanno delineando nuovi potenziali rischi di natura cibernetica.
E’ prevedibile che il mercato dei rischi infrastrutturali sia destinato a crescere, in quanto l’invecchiamento delle infrastrutture esistenti, l’obsolescenza delle strutture tecnologiche e lo sviluppo delle reti di energia rinnovabile rappresentano fattori che dovrebbero incentivare gli investimenti e il project financing.

La pubblicazione contiene un ampio apparato statistico e analitico sulla situazione attuale e prospettica del mercato dell’assicurazione dei rischi tecnologici e ingegneristici su scala globale.

STATISTICHE