Giancarlo GIUDICI, Matteo BONAVENTURA (a cura di)
“La relazione fra rating ESG e performance di mercato: uno studio sui titoli dell’indice Stoxx Europe 600”
POLITECNICO DI MILANO - http://www.som.polimi.it/
BANOR SIM S.p.A. - https://www.banor.it/
Finanza sostenibile

 

Operatori e studiosi vanno da tempo chiedendosi se variabili diverse da quelle strettamente economiche siano in grado di influire sull’andamento dei titoli azionari delle imprese.

Un caso particolare, di grande attualità, è quello della relazione tra variabili ambientali, sociali, di governance (Envinronment, Social, Governance -ESG) e redditività dell’impresa. Sono ormai numerose, infatti, le imprese che considerano le variabili ESG nelle proprie decisioni; molte adottano rating che ne valutano il rispetto.

Lo studio del Politecnico di Milano, svolto in collaborazione con la Sim Banor, analizza l’andamento dei titoli azionari dell’indice Stoxx Europe 600 nel periodo 2012-2017, correlandolo all’adozione di rating ESG da parte delle aziende.

Dall’analisi emerge che le imprese caratterizzate da rating ESG più elevati ottengono rendimenti differenziali superiori, con una deviazione standard non significativamente maggiore. Le valutazioni del mercato premiano, in particolare, le imprese che ottengono rating superiori nelle tre variabili ESG, piuttosto che le imprese che ottengono giudizi positivi in una sola delle dimensioni considerate.

Inoltre, risulta che l’analisi fondamentale (ad esempio, utilizzando il rapporto tra prezzo e utile per azione), unita con la valutazione ESG, si dimostra la tecnica più efficiente nel determinare le strategie di investimento.

Lo studio, infine, dedica un’analisi approfondita alle determinanti della performance dei titoli azionari del settore industriale. Le imprese industriali con elevati rating ESG sono state quelle che, ceteris paribus, hanno aumentato di più i volumi di fatturato, la marginalità operativa e il dividend yield.

È possibile concludere, pertanto, che l’adozione delle migliori pratiche ESG comporti un vantaggio competitivo di lungo termine.

UE
STATISTICHE
NEWS