NEWS
Alicia H. MUNNELL, Anek BELBASE, Geoffrey T. SANZENBACHER, in conjunction with Summit Consulting LLC
“An Analysis of Retirement Models to Improve Portability and Coverage”
CRR – CENTRE FOR RETIREMENT RESERCH AT BOSTON COLLEGE
http://crr.bc.edu/
Previdenza complementare

 

La sicurezza previdenziale, ossia la garanzia che i risparmi accantonati siano gestiti con efficienza e che sia possibile la loro portabilità, costituisce un tema fondamentale, in particolare in quei Paesi che  - come gli Stati Uniti -  affidano alle decisioni dei singoli lavoratori gran parte del reddito pensionistico.

Al sistema di previdenza complementare in vigore negli Stati Uniti, e a come riformarlo per migliorare stabilità e sicurezza, è dedicato un saggio del Center for Retirement Studies dell’Università di Boston.

Negli Usa solo circa il 50% dei lavoratori può contare su piani di previdenza complementare promossi dalla loro azienda; gli altri devono ricorrere ai piani pensionistici individuali 401 (K) o rinunciare alla pensione integrativa. Chi vi rinuncia è spesso lavoratore precario o con contratto atipico, e difficilmente riesce a risparmiare per la pensione.
Il sistema dei piani 401 (K), inoltre, è tale da non garantire sempre la portabilità dei contributi e questo costringe i lavoratori ad aprire diversi piani in relazione alle diverse attività lavorative, aumentando costi di transazione e inefficienze.

Il documento CRR illustra alcune riforme atte a migliorare la situazione, tra le quali:

  • l’imposizione della portabilità nei piani 401 (K);
     
  • il miglioramento della trasparenza e la riduzione dei costi dei piani;
     
  • la creazione di un sistema che incentivi l’unificazione dei piani 401 (K) di minore dimensione in singole gestioni più efficienti.
UE
STATISTICHE