Peter ENGLAND, R. J. VERRALL, Mario V. WUTHRICH
“On the Lifetime and One-Year Views of Reserve Risk, with Application to IFRS 17 and Solvency II Risk Margins” (15 marzo 2018)
Riserve tecniche, Solvency II, IFRS

 

Nel quadro delle disposizioni previste da Solvency II, le imprese assicuratrici devono calcolare un margine di rischio (“risk margin”) da aggiungere alla miglior stima (“best estimate”) per giungere a una valorizzazione corretta delle riserve tecniche. Per contro, ai sensi dello standard contabile internazionale per la valutazione dei contratti assicurativi (IFRS 17), le imprese devono definire un “risk adjustment” nel calcolo delle proprie passività.

Mentre Solvency II considera il rischio su un orizzonte temporale annuale, l’IFRS 17 si basa su flussi di cassa estesi lungo tutto l’arco di durata del contratto: per tale ragione, le definizioni del rischio di riservazione nei due contesti sono differenti e devono essere comprese e riconosciute.
La quantificazione del rischio di riservazione è operazione complessa per la quale sono stati sviluppati diversi approcci, quali quelli analitici, basati su formule che determinano la variazione standard, e quelli basati su simulazioni che originano distribuzioni complete.

Nel paper, gli Autori analizzano i diversi concetti rilevanti per il calcolo delle riserve tecniche, evidenziando le connessioni e illustrando l’utilità di approcci simulativi con riguardo sia al risk margin di Solvency II sia al risk adjustment dello standard IFRS 17.

STATISTICHE
NORMATIVA
NEWS