A. BERARDI, C. TEBALDI, F. TROJANI
"Consumer protection and the design of the default
option of a pan-European pension product" (STUDY)
“Independent study published to inform the debate on a pan-european personal pension product” (NEWS RELEASE, 12.02.2018)
EFAMA – EUROPEAN FUND AND ASSET MANAGEMENT ASSOCIATION
http://www.efama.org/SitePages/Home.aspx
Previdenza complementare, PEPP

 

È stato recentemente pubblicato uno studio, svolto da SDA Bocconi su incarico di EFAMA (l’Associazione europea degli asset manager), in materia di opzioni di investimento dei prodotti pensionistici pan-europei (PEPP) e tutela dei risparmiatori.

Il lavoro intende rappresentare un contributo al dibattito attualmente in corso sulla possibilità che i PEPP offrano un’opzione di investimento “di default” con garanzia finanziaria o se, invece, l’opzione di base debba fondarsi su tecniche di “life-cycling”, che prevedono la riduzione del peso degli attivi rischiosi nel portafoglio dei PEPP mano a mano che si avvicina il pensionamento dell’aderente.

Gli Autori hanno condotto una serie di simulazioni basate sui dati relativi ai rendimenti storici per il periodo 1969-2012, caratterizzato da due shock petroliferi, oscillazioni dei tassi di interesse e dell’inflazione e, per il periodo 1992-2012, diminuizione di rendimenti e inflazione.

Dall’analisi compiuta, emerge una chiara evidenza del livello di protezione offerto dalle strategie “life-cycling”:

  • lungo un arco temporale quarantennale, la maggior parte dei risparmiatori che seguono una strategia “life-cycling” possono attendersi un tasso di rendimento superiore al 5,9%, rispetto al 3,3% per i prodotti con garanzia;
     
  • in un arco ventennale, il divario a favore della strategia “life-cycling” è ancora più evidente (5,1% contro 1,2%);
     
  • accorciare la lunghezza del periodo di accumulazione non altera significativamente i risultati sopra esposti;
     
  • le strategie “life-cycling” garantiscono che il 99,9% dei risparmiatori accumuli una ricchezza pensionistica superiore all’ammontare del capitale investito  corretto per l’inflazione, sia in un periodo di 20 che di 40 anni.
STATISTICHE
NEWS