“Criteri di individuazione e regole evolutive della classe di merito di conversione universale di cui all’art. 3 del Regolamento IVASS n. 9 del 19 maggio 2015, recante la disciplina della banca dati attestati di rischio e dell’attestazione sullo stato del rischio di cui all’art.134 del Decreto Legislativo 7 settembre 2005, n. 209 – codice delle assicurazioni private – dematerializzazione dell’attestato di rischio.” - DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 2/2018
IVASS - ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI
https://www.ivass.it/homepage/index.html
Assicurazione r.c. auto, Bonus/Malus, Classi di rischio

 

Il 10 gennaio scorso IVASS ha posto in pubblica consultazione uno schema di Provvedimento recante i criteri di individuazione e le regole evolutive della classe di merito universale (CU) nell’assicurazione r.c. auto (Documento di consultazione n. 2/2018).

Con l’entrata in vigore del Regolamento IVASS n. 9/2015 è stato abrogato il Regolamento ISVAP n. 4/2006, facendo salvi i contenuti del relativo allegato 2, che disciplina tutta la normativa concernente i criteri di assegnazione e le regole evolutive della classe di merito universale (classe di CU).
L’art. 3 del Regolamento n. 9/2015 ha demandato la definizione della disciplina delle regole evolutive delle classi CU a un apposito Provvedimento IVASS; il testo del Provvedimento in pubblica consultazione risponde, pertanto, all’esigenza di adeguare l’attuale regolamentazione in materia alla citata disposizione e sostituisce l’allegato 2 oggi vigente.

Tra le principali disposizioni del Provvedimento:

  • rilevazione della storia assicurativa e assegnazione della classe di CU anche per le annualità coperte da contratti stipulati con formula tariffaria “a franchigia” e “a tariffa fissa”;
     
  • estensione a tutte le fattispecie di polizze temporanee della disciplina prevista per le polizze “a franchigia” e “a tariffa fissa”;
     
  • in caso di mutamento della titolarità del veicolo che comporti il passaggio da una pluralità di proprietari a uno soltanto di essi, riconoscimento della classe di CU maturata sul veicolo al nuovo proprietario;
     
  • aggiornamento della disciplina in materia di trasferimento di proprietà di un veicolo tra coniugi;
     
  • disciplina del trasferimento su altro veicolo - di proprietà dello stesso soggetto - della classe di CU attribuita a un veicolo consegnato in conto vendita o oggetto di furto;
     
  • riconoscimento della classe di CU maturata sul veicolo, qualora il veicolo assicurato venga trasferito a seguito di successione mortis causa;
     
  • disciplina del caso di trasferimento di proprietà del veicolo assicurato con cessione del contratto di assicurazione.

Sono state previste, inoltre, regole di mantenimento della classe di CU in caso di mutamenti formali del proprietario del veicolo in ambiti societari e della classificazione del veicolo.

Eventuali osservazioni sullo schema di Provvedimento dovranno essere inviate all’Istituto entro 45 giorni dalla data di pubblicazione.

STATISTICHE
NEWS