NEWS
Insurance Market Index 2015-2016 (ed. 2017)
CMA – CAPITAL MARKET AUTHORITY
https://www.cma.gov.om/
Analisi dei mercati

 

L’andamento del mercato assicurativo dell’Oman nel 2016 è ampiamente analizzato nel rapporto dell’Autorità di vigilanza finanziaria (CMA)(1).

La raccolta premi lorda diretta ha raggiunto la soglia di 450 milioni di rial dell’Oman (978 milioni di euro), in aumento del 2% rispetto al 2015.

Le coperture auto – obbligatorie e facoltative – hanno contribuito a realizzare il 35% della raccolta, seguite dalle coperture sanitarie con il 26%.

Il 9,3% della raccolta, ovvero 42 milioni di rial (91 milioni di euro), è stata realizzata da compagnie Takaful, che praticano l’assicurazione nel rispetto dei principi coranici. Il loro business risulta essere fortemente focalizzato sul comparto danni.

Gli oneri per sinistri e prestazioni corrisposti nell’esercizio sono ammontati a 268 milioni di rial (583 milioni di euro), l’8% in meno rispetto al 2015.

La flessione si è concentrata nel comparto danni (-10%), mentre in quello vita è  stato registrato  un ulteriore incremento di erogazioni (+11%).

La gestione finanziaria ha prodotto proventi per 12,5 milioni di rial (27,1 milioni di euro), il 19% in più rispetto al 2015. L’incremento è da attribuire alle compagnie vita che, con 6 milioni di rial  (13 milioni di euro), hanno migliorato il risultato del 56% (a fronte della flessione del 2% riscontrato dal comparto danni).

Il valore degli investimenti a fine 2016 ha raggiunto la soglia di 564 milioni di rial (1,2 miliardi di euro), per un incremento nell’anno del 12%. Di tale importo, 342 milioni (743 milioni di euro) riguardavano le compagnie danni e 222 milioni (482 milioni di euro) quelle vita. Entrambi i comparti hanno registrato, nell’esercizio, variazioni positive nel valore del portafoglio (rispettivamente del 9% e del 19%).

I depositi si sono confermati gli impieghi prevalenti.

Il totale degli attivi a fine periodo ammontava a 856 milioni di rial (1,9 miliardi di euro), in aumento del 10% rispetto al 2015; 618 milioni (1,3 miliardi di euro) erano di pertinenza di compagnie danni e 238 milioni (517 milioni di euro) di quelle vita, con incrementi -  su base annua - rispettivamente del 5% e del 25%.

L’utile netto dell’esercizio ha accusato una contrazione del 44%, avendo raggiunto 8,7 milioni di rial (18,9 milioni di euro). Il documento dell’Autorità evidenzia però che la flessione della redditività si è concentrata nelle compagnie locali - che hanno subito un calo del 72% -, mentre per quelle a capitale estero si è registrato un incremento dell’utile del 58%.

A fine esercizio il settore contava 24 compagnie in attività, di cui 22 tradizionali e 2 Takaful.

Al pari di altri Paesi del Golfo, dove lo sviluppo dell’assicurazione è relativamente recente e ha richiesto un massiccio ricorso a competenze professionali straniere, anche in Oman è stata avviata una politica volta a favorire l’ingresso nel settore di lavoratori locali.

Nel 2016, secondo i  ranking di raccolta Swiss Re (“Sigma”) l’Oman si è collocato al 22° posto fra i mercati assicurativi asiatici e al 70° su scala mondiale.

________________________________

(1) Per  l’esercizio precedente, si veda: “Oman: nel 2015 sale la raccolta premi ma scende la redditività” in Panorama Assicurativo n. 155, settembre 2016 (Sezione “STATISTICHE”).
http://www.panoramaassicurativo.ania.it/admin/plugin/panorama/view.html?id=38012&est=1

 

UE
STATISTICHE