NEWS
“SIGMA 4/2017 - Insurance: adding value to development in emerging markets” - WEBPAGE DI PRESENTAZIONE / REPORT
“Studies show insurance mitigates risk of poverty and contributes to overall development in emerging markets, latest SIGMA says” - PRESS RELEASE, 09.09.2017
Sviluppo Economico, Assicurazione

 

Swiss Re ha dedicato il più recente numero di “Sigma” (n.4/2017) al ruolo dell’assicurazione come fattore di sviluppo economico nei Paesi emergenti.

Negli ultimi vent'anni le economie emergenti sono state fra i principali protagonisti della crescita dei mercati assicurativi: dal 1996 al 2016 sono passate da una quota del 5%  al 20% della raccolta premi mondiale.

Il ruolo dell’assicurazione come stabilizzatore dell’economia e dei mercati finanziari, nonché come strumento essenziale per il trasferimento dei rischi di famiglie e imprese, è ormai ampiamente riconosciuto. La misura tradizionale della diffusione dell’assicurazione, l’indice di penetrazione (dato dal rapporto tra premi e PIL) - seppure ampiamente utilizzata -  è in grado di dare conto solo parzialmente del ruolo del settore.

Molte ricerche empiriche si stanno indirizzando, quindi, verso una valutazione del contributo delle assicurazioni alla crescita economica e allo sviluppo in generale. Si tratta di un contributo ex ante, nella misura in cui un corretto risk management è in grado di incoraggiare la mitigazione e la prevenzione dei rischi, favorendo così una più efficiente allocazione delle risorse e un’imprenditorialità più diffusa; e di un contributo ex post, in quanto lo strumento assicurativo aiuta le società a rispondere più rapidamente agli shock esterni.

Sono tuttavia ancora numerose, nei Paesi in questione, le barriere all’entrata e gli ostacoli che limitano la domanda di assicurazione. Ad esempio, la effettiva disponibilità degli strumenti assicurativi rappresenta spesso un aspetto critico. Un altro problema è costituito dal fatto che anche gli individui con un’elevata avversione al rischio sono poco disponibili ad acquistare coperture assicurative, in quanto è bassa  la fiducia nella solidità e nell’affidabilità del settore.

Sono necessarie, quindi, conclude il documento, riforme anche di carattere regolamentare che vadano verso una maggiore stabilità e sicurezza dei mercati assicurativi nazionali, non trascurando che, talvolta, anche l’obbligatorietà di alcune tipologie di coperture (in aggiunta alla r. c. auto) potrebbe aiutare lo sviluppo complessivo del mercato.

STATISTICHE