NEWS
Kelvyn YOUNG
“The integration of wearables and insurance”
Tecnologia digitale, Assicurazione salute

FIBIT, una delle industrie leader mondiali in device digitali “indossabili”, ha venduto, alla fine del 2016, 60 milioni di apparecchiature in grado di misurare alcune variabili fisiologiche. Nel prossimo futuro, le applicazioni di questi device digitali diventeranno sempre più numerose e permetteranno una misurazione più accurata degli stati di salute, degli stili di vita e dei comportamenti umani in generale.

Questa è la premessa di un report di Swiss Re Institute sui device digitali indossabili e sulle loro possibili applicazioni in campo assicurativo.

Già oggi alcune compagnie concedono sconti e/o varie facilitazioni per le polizze sanitarie dei clienti che indossano questi strumenti: è il caso, ad esempio, di Aetna, Cigna e John Hancock negli Stati Uniti.

In prospettiva, secondo Swiss Re Institute, aumenteranno le possibilità di integrazione con l’assicurazione.
Alcune imprese utilizzeranno in modo pervasivo le informazioni relative ai legami tra salute e comportamenti, potendo così offrire un servizio che sarà sempre più personalizzato.
Grazie all’uso intelligente delle potenzialità del digitale, queste imprese potranno avvantaggiarsi nella competizione.

La pubblicazione analizza alcune applicazioni sanitarie dei device digitali, tra le quali il monitoraggio delle malattie cardiache e diabetiche.

STATISTICHE