“EIOPA issues principles on supervisory approach to the relocations from the United Kingdom”, (EIOPA PRESS RELEASE, 11-Jul.-2017)
“Opinion on supervisory convergence in light of the United Kingdom withdrawing from the European Union”, (EIOPA-BoS-17/141, 11-Jul.-2017)
EIOPA – EUROPEAN INSURANCE AND OCCUPATIONAL PENSIONS AUTHORITY
https://eiopa.europa.eu/
Vigilanza, Brexit, Convergenza

Lo scorso 11 luglio, EIOPA ha pubblicato una “Opinion” contenente alcuni principi definiti – in relazione agli effetti della Brexit  –   nella logica di favorire la convergenza e l’armonizzazione, sul piano regolamentare e di vigilanza, dei  processi autorizzativi necessari alla delocalizzazione/ricollocazione delle imprese (ri-)assicuratrici provenienti dal Regno Unito.
I destinatari dei contenuti dell’Opinion sono le Autorità di vigilanza dei singoli Paesi europei, in particolare dei rimanenti 27 membri dell’Unione.

I principi dell’Opinion includono i seguenti aspetti dell’attività assicurativa e di vigilanza:

  • rilascio di autorizzazioni/approvazioni  (necessità di risorse adeguate e azioni efficaci, al fine di fornire adeguata risposta al cospicuo incremento di richieste di autorizzazione);
  • governance d’impresa e risk management (EIOPA richiede alle Autorità di vigilanza nazionali un attento scrutinio delle operazioni di trasferimento dei rischi. EIOPA si aspetta che le imprese dimostrino un livello adeguato di attività e non si rivelino “gusci vuoti”.  A titolo indicativo, potrebbe essere considerata una ritenzione minima del 10% delle attività assicurative sottoscritte dall’impresa in possesso di autorizzazione);
  • outsourcing di attività rilevanti (azione sottoposta alla piena responsabilità dell’azienda, non deve costituire causa di scarsa qualità della governance, di un aumento del rischio operativo,  di una minor capacità dei supervisors di monitorare la compliance,  né  l’outsourcing può rappresentare motivo di danno alla qualità del servizio fornito alla clientela);
  • vigilanza e monitoraggio (EIOPA raccomanda alle Autorità di vigilanza nazionali la realizzazione di appropriati strumenti di monitoraggio, al fine di valutare i rischi esistenti ed emergenti. Ai Supervisors si consiglia anche di condurre una specifica supervisory review nel corso dei primi anni successivi all’autorizzazione, al fine di garantire la coerenza con il business model iniziale).

 

STATISTICHE
NEWS