NEWS
“Fitch: US Insurers may benefit from Trump deregulation”
Regolamentazione

L’agenzia di rating Fitch ha pubblicato una nota sui potenziali effetti per il settore assicurativo statunitense derivanti dall’elezione alla Casa Bianca di Donald Trump.

In prima battuta, l’Agenzia esclude impatti immediati sui rating delle compagnie statunitensi, in quanto la regolamentazione assicurativa è in larga parte non di pertinenza del Governo federale ma dei singoli Stati.

Effetti più rilevanti per il settore sono invece ipotizzabili in tema di deregolamentazione finanziaria, a cominciare da eventuali interventi che modifichino l’impianto della legge Dodd-Frank, varata dall’amministrazione Obama e che prevede una rigorosa regolamentazione dei mercati finanziari nell’ottica di una maggiore tutela dei risparmiatori.

In questa direzione potrebbero concretizzarsi importanti cambiamenti quali l’esclusione delle compagnie assicuratrici dal novero delle istituzioni finanziarie di rilevanza sistemica, come pure il ridimensionamento delle mansioni del Federal Insurance Office (FIO), l’ufficio del Ministero del Tesoro preposto alla supervisione assicurativa. Più in generale, la nuova Amministrazione potrebbe optare per una regolamentazione meno aperta al confronto con altri Paesi, e quindi dimostrarsi poco incline a partecipare a iniziative volte al recepimento di standard internazionali.

Impatti significativi potrebbero poi derivare dalle politiche fiscali, rispetto alle quali si possono ipotizzare misure volte a mantenere gli investimenti delle compagnie su territorio statunitense piuttosto che consentirne liberamente il movimento, come oggi avviene, verso piazze off-shore con regimi più favorevoli e una riduzione dei benefici fiscali attualmente previsti per le polizze vita.

 

STATISTICHE