Articolo tratto da: PANORAMA ASSICURATIVO (http://www.panoramaassicurativo.ania.it/?idcnt=39512)
FORMULE ANALITICHE PER LA VALIDAZIONE DEI CALCOLI DELLA BEST ESTIMATE PER I PRODOTTI VITA TRADIZIONALI
Simon HOCHGERNER, Florian GACH
Best Estimate

 

Nell’ambito del settore dei prodotti assicurativi vita di tipo tradizionale, che prevedono meccanismi di partecipazione degli assicurati agli utili, la determinazione del valore di mercato delle passività richiede un passaggio fondamentale: il calcolo della best estimate.

Si tratta di un calcolo che, per i prodotti in questione, risulta particolarmente complesso e comporta una notevole incertezza quanto ai risultati dei modelli utilizzati.

Al fine di calcolare la best estimate in coerenza con le regole di Solvency II, occorre predisporre un modello attivo-passivo in grado di generare flussi di cassa secondo i principi contabili generali. In particolare, il modello deve tener conto dei valori di libro e di mercato delle attività e generare un rendimento sugli attivi che è in linea con azioni realistiche di management. Inoltre, è necessario un generatore di scenari economici di tipo stocastico allo scopo di modellare il portafoglio di asset e i relativi tassi di sconto.

Scopo degli Autori è quello di fornire alcuni strumenti semplici ed efficaci per la valutazione della best estimate; si tratta di strumenti analitici e indipendenti dal modello utilizzato, per cui conservano la loro validità per qualsiasi valutazione nell’ambito di prodotti vita con partecipazioni agli utili.

Nel lavoro, si descrive altresì un livello minimo per il valore delle future partecipazioni agli utili di tipo discrezionale.