Articolo tratto da: PANORAMA ASSICURATIVO (http://www.panoramaassicurativo.ania.it/?idcnt=39251)
INTELLIGENZA ARTIFICIALE E “MACHINE LEARNING”: RISCHI E POTENZIALITÀ NELLE ANALISI DEL FINANCIAL STABILITY BOARD E DELL’OCSE
FINANCIAL STABILITY BOARD - www.fsb.org
Innovazione digitale, Regolamentazione, Stabilità

Il tema dell’Intelligenza Artificiale (IA) e dell’apprendimento automatico (Machine Learning) è al centro del dibattito in ambito finanziario e oggetto di numerosi studi e analisi.

Su questi temi è stato recentemente pubblicato un report del Financial Stability Board(1) e l’OCSE ha organizzato un convegno di due giorni (26 e 27 ottobre) a Parigi.

Nel suo Report, FSB sottolinea che è necessario cominciare ad analizzare le conseguenze delle innovazioni digitali più avanzate sul piano della stabilità finanziaria.

Le istituzioni finanziarie e le compagnie di assicurazione, infatti, stanno cominciando ad usare la IA per la valutazione del merito creditizio e/o per la sottoscrizione dei rischi; molte applicazioni, inoltre, sono rivolte all’automazione delle relazioni con i clienti.

Altri operatori, come gli hedge fund, usano invece l’IA per la ricerca di rendimenti superiori (ad esempio, sfruttando le imperfezioni dei mercati) o per ottimizzare i costi di transazione.

Un ultimo ma importante ambito di applicazione è quello regolamentare e della supervisione.

Secondo FSB, sono individuabili benefici e rischi derivanti dall’impiego di queste tecnologie:

  • tra i benefici, il miglioramento dell’efficienza del processo di informazione nei mercati finanziari e assicurativi;
  • per contro, attraverso l’IA è probabile che si sviluppi una rete interconnessa tra i  diversi soggetti dei mercati, creando una potenziale futura dipendenza da soggetti terzi esclusi dalla vigilanza sistemica;
     
  • la complessità dei modelli insita nell’IA potrebbe creare problemi di trasparenza, interpretabilità e controllo dei metodi utilizzati e, quindi, di opacità dei modelli operativi utilizzati nei mercati;
     
  • come in ogni prodotto o servizio radicalmente innovativo, è necessaria un’accurata valutazione dei rischi presenti e potenziali (ad esempio, rischi di privacy, rischi cyber, rischi operativi).

E’ necessaria quindi, secondo FSB, una valutazione approfondita dei profili di governance e di sviluppo di queste nuove tecnologie.

Anche l’OCSE sta dedicando al tema dell’IA molta attenzione: secondo l’Organizzazione parigina è necessario avviare un dialogo a livello internazionale sul funzionamento dell’IA, che ne stabilisca regole e limiti.

_________________________________

(1) Su tema della Fintech è stato costituito all’interno del FSB un network di lavoro. Alcuni dei risultati sono contenuti nella presente pubblicazione.